venerdì 16 settembre 2016

I libri di Sara Zelda Mazzini

I LIBRI DI SARA ZELDA MAZZINI

L'articolo di oggi è tutto dedicato ai romanzi di Sara Zelda Mazzini, scrittrice di origini toscane che vive a Monaco di Baviera, molto interessata alle controculture e subculture, delle quali individua il motore primario nella Beat Generation e le più interessanti derive nella musica punk hardcore americana. Si considera un'iconoclasta della letteratura e un'esploratrice della psiche umana. I temi ricorrenti nei suoi scritti sono la psicologia, la spiritualità, lo sport, la vita nei sobborghi cittadini e la musica pop-rock. Scopriamo insieme i suoi lavori!

Titolo: I dissidenti
Autore: Sara Zelda Mazzini
Editore: selfpublishing
Genere: Narrativa contemporanea/Urban fantasy
Formato: cartaceo e digitale
Pagine: 485
Prezzo:  2,99 (ebook) / 13,21 euro (cartaceo)
Disponibile su Amazon e su tutti gli store di ebook
Sito del romanzo



Trama: In un presente parallelo il mondo che conosciamo è agitato da una guerra tanto invisibile quanto spietata. Madena, detta Mad, è una giovane donna che vive sospesa tra la ricerca di risposte a continue e pressanti domande e i bisogni di una famiglia ingombrante, composta dalla madre, la zia e il fratellino di sei anni. È un’era di anticonformismo a tutti i costi, in cui il nemico da combattere si identifica inevitabilmente con una comunità di individui ordinari che vive secondo valori tradizionali come il lavoro manuale, e rifiutando la celebrità. 
La ricerca di Mad la condurrà tra le rovine di un vecchio manicomio, da cui i Dissidenti si oppongono allo spirito del tempo con le loro stesse vite. Ma il destino ha già installato in questo luogo anche un oscuro personaggio, e l’inevitabile approfondirsi del rapporto con Mad farà emergere incubi ancestrali dal fondo della loro coscienza, portando alla luce un antico mistero.
E adesso capisco perché tutto sembrava più vero, allora, e le nostre emozioni erano molto più forti. Perché c’era sempre la musica, sotto, al massimo volume.

***

Titolo: Nichi arriva con il buio
Autore: Sara Zelda Mazzini
Editore: selfpublishing
Genere: Narrativa contemporanea
Formato: digitale e cartaceo
Pagine: 288
Prezzo: 2,99 (ebook), 10,40 (cartaceo)
Disponibile su tutti gli store di libri
Sito del romanzo
Pagina Facebook del romanzo
Da un fatto di cronaca, la storia di un omicidio sociale.


Trama: A dieci anni dalla morte del suo ex fidanzato una donna ne racconta la storia alla sorella adolescente di lui, che non ha avuto il tempo di conoscerlo davvero. Greta ha quattordici anni quando conosce Nicola in occasione di una vacanza al mare, i due si incontrano ogni estate nella medesima località di villeggiatura portandosi appresso nuovi bagagli di vita reale: Greta ha i genitori separati e presto arriva anche una sorellina, la stessa cosa accade in seguito a Nicola; due esistenze speculari a trecento chilometri di distanza unite da un filo fragilissimo di fiducia e speranza. 
La storia di Greta e Nicola è contrastata di volta in volta da personaggi gelosi, orgogliosi, insicuri e disperati, ma soprattutto da loro stessi. Tra concorsi di bellezza e quiz televisivi la vicenda è l’occasione per ricostruire un decennio di storia italiana dal punto di vista di una generazione, a favore di chi quella generazione non l’ha mai vissuta.
Gli anni Novanta e i vecchi bar, sale oscure, le nostre facce sbattute. Avevo un brutto maglione sformato comprato al mercato puzzava di pioggia e stivali da motociclista con cui affrontavo scalciando i caustici corridoi della vita. I colori non erano mai saturi, la gente non era mai vivida. Gli anni Novanta erano pieni di luci al neon e lampadine agonizzanti, e affumicati – c’era un sacco di fumo, ovunque andassi. A volte, non si vedeva niente.


Molto interessanti, non trovate? Splendide le cover, soprattutto di "Nichi arriva con il buio". 


Chi è l'autrice?
Sara Zelda Mazzini è nata il 24 luglio 1980 a Poggibonsi, Siena. Dopo essere cresciuta tra la provincia fiorentina e l'hinterland milanese si è trasferita a Monaco di Baviera, dove attualmente vive. Il suo nome d’arte è un omaggio a Zelda Fitzgerald, scrittrice, pittrice e ballerina, nonché moglie del celebre scrittore Francis Scott Fitzgerald. Tra il 2002 e il 2008 ha collaborato con il settimanale Metropoli del Chianti fiorentino, con la rivista online Noluogo e con SettePerUno, sotto lo pseudonimo di Judith Cavalera. Più o meno nello stesso periodo ha curato l'antiblog judithcavalera.splinder.com, che si sottraeva a ogni legge dei social e per questo si è spento suicida, si è iscritta tre volte all'università e ha rifiutato un sacco di proposte di lavoro artistico non retribuito. 

Le sue influenze principali sono: Jack Kerouac e la Beat Generation, il Sandman di Neil Gaiman, i Nirvana, le periferie cittadine, le famiglie allargate, MTV, il movimento straight-edge, Ernesto Che Guevara, la Bibbia, Jane Austen e Cime tempestose. Amante di quasi tutti gli sport, pratica rollerskating, yoga, krav maga, calisthenics e kickboxing ed è tifosa del Bayern Monaco e di Marc Márquez. Non ha mai sentito il bisogno di scrivere un romanzo rosa e dichiarare che si tratta di un omaggio alle sue autrici preferite del passato, poiché crede fermamente che le sue autrici preferite del passato NON scrivessero romanzi rosa. Tutti i suoi libri sono editi da Amazon KDP e Createspace.
 
Buona lettura! ;)





 

Nessun commento:

Posta un commento