martedì 19 gennaio 2021

Segnalazione "Gotico Italiano - Il vizio di uccidere"

  Segnalazione "Gotico Italiano"

Se il fumetto si fonde al racconto nero, nasce “Gotico Italiano”. Un format innovativo che intreccia graphic novel e racconto nella stessa opera, in cui l’autore delle due vicende è lo stesso che ha realizzato  la storia trasformata poi in sceneggiatura per il fumetto. 

Gotico Italiano, edito dalle Edizioni Horti di Giano, è un Albo che vuole creare un ponte tra quelle che sono le tradizioni culturali e folkloristiche della nostra splendida Italia, evidenziando un passato che non dobbiamo mai dimenticare e l’attualità che emerge in chiave moderna, tangibile.  

Il primo numero è disponibile dal 2 Febbraio 2021 sul sito dell’editore, in tutti gli store online, nelle librerie e nelle edicole. 

Gotico Italiano sarà cadenzato in quattro uscite annuali, che cadranno in giorni particolari, legati all’aspetto misterico che ben si affianca e abbraccia la dimensione gotica.  

Il primo numero uscirà il 2 febbraio, data che corrisponde alla nostra Candelora, la festa di fine inverno che, a cavallo tra il primo e il secondo giorno di febbraio, segna l’arrivo della primavera: 

“Per la Santa Candelora, dall’inverno semo fora, ma se piove e tira vento, dell’inverno semo drento!” 

 

In questa prima uscita, che prende il nome Il vizio di uccidere, ci sarà un affascinante viaggio in un borgo fantastico, Rocca Piscopo, i cui edifici sono stati realizzati ispirandosi ai Sassi di Matera e a Fossanova, con la sua splendida Abbazia gotica. 

In particolare, riporteremo alla luce la figura del boia, un mestiere inquietante quanto carico di suggestioni nere. Il boia che proponiamo in questo numero, prende il nome di Gioacchino De Meo, che rappresenta l’essenza stessa del male e che si ricollega, nella storia, al famoso Mastro Titta che, nella sua lunga e “prolifica” carriera, giustiziò più di cinquecento persone. 

In tutti i volumi di Gotico Italiano, si parlerà anche di storie che contengono tematiche sociali importanti. 


Il racconto che si intitola Ritratto di donna sfregiata, ha un forte messaggio contro un problema attuale e da non sottovalutare: la violenza di genere, ovvero quella violenza che racchiude tutte le violenze che si fondano sulla differenza sociale tra uomo e donna.   

Le Edizioni Horti di Giano intendono così lanciare un forte e sentito NO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE (e No alla violenza in generale), inserendo il logo della mano in ogni numero dell’Albo. 

 


Sotto la supervisione del Direttore editoriale Simone Colaiacomo, il primo numero di Gotico italiano è stato scritto da Salvatore Napoli e disegnato da Vincenzo Odore.  

Gotico Italiano - Il vizio di uccidere è un graphic novel italiano, per gli amanti del fumetto e per chi vorrebbe avvicinarsi a tale forma d’arte, accompagnandosi a una interessante lettura. Horti di Giano vuole invitare i lettori a conoscere e visitare i gioielli urbani custoditi nel nostro paese. La scelta è stata quella di rivalorizzare la bellezza della nostra Italia, con il patrimonio unico e spettacolare che i nostri borghi, sempre più abbandonati e dimenticati, custodiscono. 

(materiale fornito dalla casa editrice)


domenica 17 gennaio 2021

Segnalazione "Per aspera ad astra" di Federico Barbieri

 Segnalazione "Per aspera ad astra" di Federico Barbieri

Bentrovati, lettori. Oggi vi segnalo la nuova uscita della casa editrice "Horti di Giano": Per aspera ad astra, di Federico Barbieri, un romanzo di formazione, secondo capitolo della trilogia 8 Personaggi.

TITOLO: Per aspera ad astra

AUTRICE: Federico Barbieri

GENERE: Romanzo di formazione

DATA DI USCITA: 15 gennaio 2021

PAGINE: 230

PREZZO: 15.00

LINK PER ACQUISTARE il libro.





Attraverso le difficoltà fino alle stelle 

 

Abbiamo conosciuto la fase della giovinezza.  

Non ci resta che addentrarci in questa nuova storia, 

l’antitesi, che prende il nome di “maturità”. 

 

Per aspera ad astra è il secondo capitolo della trilogia 8 Personaggi, nata dalla penna di Federico Barbieri. Il romanzo di formazione il cui titolo tradotto dal latino significa “Attraverso le asperità sino alle stelle”, racconta proprio le difficoltà che si celano nella crescita, ovvero nel passaggio dalla giovinezza, raccontata da Paolo e Irene in C.R.E.P.P., primo volume della trilogia, alla maturità. Il testo, edito dalle Edizioni Horti di Giano, sarà disponibile dal 15 gennaio 2021 sul sito dell’editore, in tutti gli store online e nelle librerie. 

 

Attraverso differenti periodi della vita dei nostri protagonisti, si affrontano le dinamiche irreversibili che il tempo impone, nel suo inesorabile scorrere, su ogni persona.  

Dopo aver conosciuto la tesi in "C.R.E.P.P.", ora l'approccio filosofico che abbraccia questo romanzo si immerge nella seconda fase, l'antitesi, che, a modo suo, cerca di distruggere tutto quello che ciò che la ha preceduta ha faticosamente costruito. Ma non sempre l'antitesi confuta, a volte serve a dare le conferme cercate.  

Attraverso le vicende di Chiara e Roberto, fidanzati la cui esistenza si intreccia con altre vite che ne condizioneranno i destini, si potrà comprendere, forse, il segreto racchiuso nel mistero della vita. Siamo nella maturità, periodo in cui si dovrebbe compiere ciò per cui siamo destinati. Ma l'ordine precostruito a volte lo si può modellare e adattare, rendendolo personale. Gli amori condizionano le scelte e la razionalità si presenta solo dopo, o tarda inesorabilmente, lasciando spazio al solo istinto.  

Annibale è ancora la voce narrante che in vecchiaia raccoglie i ricordi degli amici, ritrovati in alcune lettere. 

Per aspera ad astra è un romanzo di formazione adatto ai lettori che amano mettersi in gioco, riflettere sulla società e su se stessi. È un romanzo dalle tinte gialle che emoziona, commuove, devasta e ricostruisce, lasciando alla fine il suo segno indelebile.  Perché è proprio attraverso quelle difficoltà, quelle indesiderate crisi che, alla fine, maturiamo davvero. 

 

Federico Barbieri nasce a Spoleto (PG), si avvicina al mondo delle percussioni grazie al maestro 

Mauro Presazzi, che lo fa debuttare con l'orchestra Filarmonica di Belfiore nei Carmina Burana. Nel 2000, viene scelto come batterista per suonare alla Giornata Mondiale della Gioventù; diviene insegnante e direttore dei tamburini della città di Spoleto. Come batterista cambia diversi gruppi, fino ad approdare ai Vieux Carré, gruppo progressive italiano entrando con l’album Eteronimie (2012) nel "Prog Archivies" tra i migliori 10 dischi d'Italia e tra i migliori 100 d'Europa di quell'anno. I Vieux Carré hanno suonato al Festival dei Due Mondi di Spoleto, e hanno fatto da gruppo spalla a Caparezza. Collabora con molti artisti nell'ambito musicale ed attualmente è il batterista della rock band Music Mood. È stato funzionario commerciale per la Farago Sas, Agenzia della Toscana, Umbria e Liguria per l'Istituto della Enciclopedia Italiana e responsabile per la casa editrice Vallecchi, storica casa del futurismo Italiano. 

Pubblica il romanzo Storia di un incontro nel 2015 e 8 personaggi: C.R.E.P.P. a maggio 2020. 

È direttore artistico dello spettacolo teatrale “La musica nel sangue” giunto alla sua IV edizione. 

 


sabato 16 gennaio 2021

XXVII Trofeo RiLL per il miglior racconto fantastico

COMUNICATO STAMPA

XXVII Trofeo RiLL per il miglior racconto fantastico

Scadenza: 20 marzo 2021

Sono aperte sino al 20 marzo 2021 le iscrizioni per il XXVII Trofeo RiLL per il miglior racconto fantastico, concorso letterario organizzato dall’associazione RiLL Riflessi di Luce Lunare, col supporto del festival internazionale Lucca Comics & Games e della casa editrice Acheron Books.


Possono partecipare al Trofeo RiLL storie fantasy, horror, di fantascienza e, in generale, ogni racconto sia (per trama e/o personaggi) “al di là del reale”.

Ciascun autore/autrice può inviare una o più opere, purché inedite, originali e in lingua Italiana.

Da oltre un decennio i racconti partecipanti al concorso sono 250-300 a edizione (nel 2020: 430 racconti), scritti da autori/ autrici residenti in Italia e all’estero.

I racconti partecipanti possono essere spediti, alternativamente e a discrezione di ciascun partecipante, in modalità cartacea oppure elettronica. Per i/le partecipanti residenti all’estero, la spedizione in modalità elettronica è obbligatoria.


I dieci racconti finalisti del XXVII Trofeo RiLL saranno pubblicati (senza alcun costo per i rispettivi autori/ autrici) nel prossimo e-book della collana “Aspettando Mondi Incantati”, curata da RiLL e in uscita a ottobre 2021. Inoltre, i migliori 4-5 racconti fra quelli finalisti saranno pubblicati (sempre gratuitamente) nell’antologia del concorso (collana “Mondi Incantati”, ed. Acheron Books), che sarà presentata al festival internazionale Lucca Comics & Games (novembre 2021).

Infine, il racconto primo classificato del XXVII Trofeo RiLL sarà tradotto e pubblicato, sempre gratuitamente, in Spagna (sull’antologia Visiones, curata da Pórtico - Asociación Española de Fantasía, Ciencia Ficción y Terror), in Irlanda (sulla rivista letteraria Albedo One) e in Sud Africa (su PROBE, il magazine dell’associazione Science Fiction and Fantasy South Africa).

L’autore/autrice del racconto primo classificato riceverà un premio di 250 euro.


La selezione dei racconti finalisti sarà curata da RiLL. Ciascun racconto partecipante sarà valutato in forma anonima (cioè senza che i lettori-selezionatori conoscano il nome dell’autore/autrice), considerando in particolare l’originalità della storia e la qualità della scrittura.

La giuria del Trofeo RiLL sceglierà poi, fra i racconti finalisti, quelli da premiare e pubblicare nell’antologia “Mondi Incantati”. Fra i giurati dell’edizione 2020 del Trofeo RiLL: gli scrittori Donato Altomare, Pierdomenico Baccalario, Mariangela Cerrino, Giulio Leoni, Gordiano Lupi, Massimo Pietroselli, Vanni Santoni, Sergio Valzania; gli accademici Luca Giuliano (Università “La Sapienza”, Roma) e Arielle Saiber (Bowdoin College, Maine – USA); la poetessa Alessandra Racca; i giornalisti ed autori di giochi Andrea Angiolino, Renato Genovese e Beniamino Sidoti.


Tutti i partecipanti al XXVII Trofeo RiLL riceveranno copia omaggio dell’antologia “OGGETTI SMARRITI e altri racconti dal Trofeo RiLL e dintorni” (ed. Acheron Books, 2020, collana Mondi Incantati), che prende il nome dal racconto vincitore del XXVI Trofeo RiLL, scritto dal bolognese Valentino Poppi.

Il libro propone tredici storie: i migliori racconti del XXVI Trofeo RiLL e di SFIDA (altro premio curato da RiLL nel 2020) e i racconti vincitori di tre concorsi letterari per storie fantastiche banditi all’estero (in Spagna, Australia e Sud Africa) e con cui il Trofeo RiLL è gemellato.


Tutte le antologie della collana “Mondi Incantati” sono disponibili per l’acquisto su Amazon e Delos Store, oltre che (a prezzo speciale) su RiLL.it

Nel Kindle Store di Amazon sono invece disponibili gli e-book della collana “Aspettando Mondi Incantati”, dedicata ai racconti finalisti del Trofeo RiLL.


La cerimonia di premiazione del XXVII Trofeo RiLL si svolgerà nel novembre 2021, all’interno del festival internazionale Lucca Comics & Games.


Per maggiori informazioni si rimanda al bando di concorso, all’e-mail e al sito di RiLL (che ospita ampie sezioni sul Trofeo RiLL e le collane di antologie/ e-book connesse al concorso).



ASSOCIAZIONE RILL - RIFLESSI DI LUCE LUNARE

via Roberto Alessandri 10, 00151 Roma

Sito di RiLL.

L’associazione RiLL Riflessi di Luce Lunare è attiva dai primi anni ’90.

La principale attività è il Trofeo RiLL per il miglior racconto fantastico, un premio letterario bandito dal 1994 e che ha riscosso un interesse crescente fra gli appassionati e gli scrittori esordienti.

Dal Trofeo RiLL sono nate tre collane: “Mondi Incantati” (antologie con i racconti premiati in ogni annata di concorsi RiLLici), “Memorie dal Futuro” (antologie personali dedicate agli autori/ autrici che più si sono distinti nei premi organizzati da RiLL) e “Aspettando Mondi Incantati” (e-book che pubblicano i racconti finalisti di ogni edizione del Trofeo RiLL). Le antologie/ e-book curati da RiLL sono tutti realizzati senza alcun contributo da parte degli autori/ autrici.

Sul sito di RiLL sono on line molte informazioni sul Trofeo RiLL e le sue diverse edizioni, sugli altri concorsi e iniziative organizzate da RiLL e un vasto archivio di articoli e interviste.


lunedì 4 gennaio 2021

Recensione "Felsina Dracones" di Roberto Saguatti

 Recensione "Felsina Dracones" di Roberto Saguatti

Buon anno, lettori! Come avete iniziato questo 2021? Spero tutto bene. Oggi vi parlo di un libro letto nel 2019, ma di cui non avevo mai avuto tempo per scrivere un commento. Cercherò, nei prossimi giorni, di recuperare con un po' di recensioni a libri letti negli ultimi anni.

Oggi vi parlo di "Felsina Dracones", romanzo urban fantasy di Roberto Saguatti (edito da Plesio Editore) e ambientato a Bologna. Felsina, infatti, è l'antico nome, di origine etrusca, della città di Bologna.

Quarta di copertina: Dopo la perdita della madre, Luca si sposta dalla provincia emiliana alla città grande, Bologna, dove suo padre tenta di costruirgli un futuro più felice. All'ombra delle due torri, però, il ragazzo inizia a scorgere strane figure che solcano il cielo. 

Anni di sedute psichiatriche lo convincono che siano frutto della sua immaginazione, ma il destino lo farà scontrare con Elwe, che non solo è un elfo, ma soprattutto è parte della più gloriosa squadriglia di cavalieri di draghi: la Felsina Dracones. 


Il romanzo è molto snello, si legge in un paio di giorni, e lo stile dell'autore è schietto e diretto, senza tanti fronzoli, va direttamente al cuore della faccenda. Il protagonista è Luca, un giovane che, come anticipato nella quarta di copertina, inizia a percepire qualcosa, a rendersi conto che la città non è soltanto fatta da ciò che si vede con gli occhi, vi è qualcosa che va oltre. Ecco così che il mondo magico e fantastico entra nella vita del protagonista, e del lettore, tramite la percezione di qualcosa che va oltre, oltre il reale, oltre il fenomenico, oltre l'apparenza. Luca scopre questo mondo in malo modo, ma presto inizia a interessarsi, ad appassionarsi, complice anche l'amicizia che lo lega a Elwe (per gli amici Elvio) e alla sua brigata di Cavalieri di Draghi: la Felsina Dracones.

Senza anticipare troppo, perché i libri è bello scoprirli piano piano, pagina dopo pagina, godendosi i colpi di scena e le rivelazioni man mano che appaiono, il romanzo racconta poi la formazione, l'educazione di Luca a Cavaliere di Drago e ovviamente alle avventure e alle battaglie che la compagnia deve affrontare, al fine di mantenere l'equilibrio tra i mondi.

Se vi piacciono i draghi, questo romanzo sicuramente fa per voi, soprattutto per il legame che si crea tra i cavalieri e i draghi stessi, che non sono semplici cavalcature. 

"Per diventare un cavaliere del drago dovrai ottenere un tuo drago. Non è una cosa semplice nemmeno per un elfo, per un umano quasi sicuramente potrebbe essere letale. I draghi, per quanto giovani, sono tutt'altro che docili."

Preparatevi quindi per scoprire una Bologna diversa, e capire infine il perché di tutte quelle torri!

Non mancano voli sopra la città, sul dorso di un drago, duelli magici e avventure eroiche, che cementificheranno l'amicizia tra Luca e i membri della Felsina Dracones. Il finale, poi, lascia spazio a nuove avventure. Chissà che anche nella vostra città non vi sia una pattuglia di Cavalieri di Draghi stazionata in cima a qualche torre o palazzo, e che combatta contro i demoni che vogliono conquistarla?! Occhi aperti, lettori!

Per scoprire di più, ecco la pagina di "Felsina Dracones" sul sito Plesio Editore.




martedì 29 dicembre 2020

Segnalazione "Sotto i cieli di Gwalthur" di Mala Spina

Segnalazione "Sotto i cieli di Gwalthur" di Mala Spina

Bentrovati, lettori. Ci avviciniamo alla fine di un anno difficile, per tutti, e lo facciamo con spirito comunque positivo, suggerendo nuove letture agli appassionati. Oggi vi presento il nuovo romanzo di Mala Spina, più volte ospite del blog con la sua saga "Victorian Horror Story": Sotto i cieli di Gwalthur, edito da Plesio Editore.

Sotto i cieli di Gwalthur

Mala Spina

Editore Plesio

Pagine 264

16 illustrazioni interne

Genere: fantascienza

Data di uscita: 28 dicembre 2020

Disponibile sul sito di Plesio Editore.


Un nuovo Sword and Planet con cyborg imbranati contro aliene feline, dinosauri mutanti e intelligenze artificiali impazzite. Un'avventura tra Flash Gordon, Avatar e John Carter di Marte.


Quarta di copertina: Zorya è un’intrepida cacciatrice dall’aspetto ferino, nata in un mondo primitivo e condannata dalle leggi tribali della sua gente.

Ben Sawyer è un agente al servizio di una delle più potenti corporazioni della galassia civilizzata, costretto a un atterraggio di fortuna.

Le loro strade si incrociano nelle selvagge foreste di Gwalthur, infestate da bestie simili a dinosauri. I due presto scoprono che il pianeta nasconde segreti di un’antica colonizzazione, e un dio-macchina dormiente in attesa di risvegliarsi.

Inizia così la loro fuga, inseguiti da cacciatori feroci e macchine assassine, per riuscire a salvarsi sotto i soli di Gwalthur.


BIOGRAFIA

Mala Spina è lo pseudonimo di una scrittrice toscana appassionata di narrativa del fantastico e collezionista di fumetti. Lavora nel campo dell’editoria, illustrazione digitale e web design.

Scrive storie Fantasy, Steampunk e Horror.

Ha pubblicato in proprio l'Urban Fantasy "Victorian Horror Story", la Black Comedy Horror "Il Mangia Peccati" e la serie Fantasy-Sword and Sorcery "Altro Evo".

Il primo romanzo interattivo è stato pubblicato da Acheron Books, "Gremlins ad alta quota".

Ha pubblicato racconti brevi in antologie per vari editori:

"Malena" in Prisma Vol.2 per Moscabianca Edizioni.

"Gloria di notte" in W.O.W. Women of Weird per Moscabianca Edizioni.

"Jackie Chan contro Dracula" in Bestie d'Italia per Nps Edizioni.

"Ultimo treno per Uomo Morto" in N di menare per Lethal Books.

"L'oro dell'uomo nero" in Zappa e Spada per Acheron Books.

"Testa di santo" in Eroica per Watson Edizioni.

"Quattro regole di sopravvivenza agli zombie" in Zomb! Saga per Dunwich Edizioni.


Seguitela sul suo sito "Altro evo"!